Legendary Vol 1 Quinta Puntata

Capitolo Sei

“La sola cosa che la sua mente ebbe bisogno di fare fu accogliere la luce”

Con l’avanzare della gravidanza, giorno dopo giorno, il corpo di Betelgeuse diventava più debole, e di fronte a questo Mya si sentiva impotente.   

“Sei malata per colpa mia?” le chiese dopo un po’.

 La domanda della figlia destò Betelgeuse dal torpore in cui ormai passava quasi per intero le sue giornate.

“Non è colpa tua, figlia, se esiste una colpa è senz’altro tutta mia! Noi che apparteniamo alla Stirpe siamo per metà Sparkling e per metà Umane. Si potrebbe pensare che le due metà convivano in armonia, ma non è sempre così. In gravidanza il feto, finché sta dentro all’utero è Sparkling al 100% mentre la madre, finché è incinta è Umana non proprio al 100% ma quasi. Sfortunatamente, portare nell’utero una creatura Sparkling è un compito troppo duro per un corpo da Umana“

“Ma Rigel come ha fatto quando sei nata tu?” domandò Mya.

“Rigel aveva 160 anni terrestri quando mi ha partorito, con tutta l’esperienza, le capacità e il Potere che ne deriva. Io ne ho solo 25. Capisci da te la differenza”

Il comportamento di sua madre era stato così assurdo che non riusciva proprio a comprenderlo: perché affrontare una maternità killer? Avrebbe voluto chiederle una spiegazione ma Rigel intervenne mettendole a tacere entrambe.

“Recriminare non serve, è stupido e inutile. Inoltre, le cose non sono mai – mai – così come appaiono. Potrebbero essere stati gli Eterni a volere questa gravidanza, per ragioni a noi ancora oscure.  O chissà cos’altro ancora. Beh, adesso devo uscire, devo incontrare qualcuno. Figlia, torna a letto, hai bisogno di dormire.”

Nelle ultime settimane di gravidanza le forze di Betelgeuse si erano affievolite sempre di più. Sapeva da tempo che non sarebbe sopravvissuta alla nascita della figlia, ma aveva sperato almeno di aiutare Mya nel momento fondamentale, quello del parto. Betelgeuse non aveva paura della morte, nessuno Sparkling ne aveva: sapevano bene che ognuno di loro aveva un percorso da compiere, un lungo percorso che difficilmente si sarebbe potuto compiere nel corso di una sola vita, ancorché lunga come quelle della loro specie. A volte, se il Potere accumulato in vita era tanto, dopo la morte il loro spirito aveva la possibilità di scegliere il corpo in cui reincarnarsi. Betelgeuse, ad esempio, era sicura che nella sua prossima vita avrebbe avuto ancora modo di incontrare Mya e Rigel, e questa consapevolezza l’aiutava ad accettare serenamente la sua prossima fine.  

Quando arrivò il momento di nascere, Mya chiamò la madre ripetutamente ma lei non riusciva a svegliarsi. Allora chiamò Rigel, che al momento si trovava piuttosto lontana.

“Secondo i miei calcoli dovrebbe mancare ancora una settimana” disse Rigel.

“Mia madre non ha una settimana. In realtà credo proprio che abbandonerà il suo corpo oggi, e io devo uscire prima che accada” rispose Mya.

“Se le cose stanno così devi nascere il prima possibile – sospirò Rigel, che intanto era salita in auto e correva verso casa – e credo anche che dovrai fare tutto da sola … io non riuscirò ad essere lì prima di qualche ora, ma sarò in contatto con te tutto il tempo “

Quando una Sparkling si accingeva a partorire, la mente della madre e quella del figlio si univano e il Potere sprigionato da quell’unione trasformava in una via larga e confortevole il percorso che nel parto il bambino compie dall’utero alla vagina.  Ma adesso Mya era sola e non riusciva a trovare dentro di sé la forza necessaria: la forte empatia che provava per la madre moribonda non le permetteva di reagire. Inoltre l’idea di abbandonare per sempre la sua tana, piccola e buia ma familiare, era spaventosa. Improvvisamente aveva paura, una gran paura di nascere.

Intanto Betelgeuse dormiva un sonno molto simile al coma, e mentre il suo corpo era in agonia, la sua mente si preparava ad abbandonarlo, ricordando i momenti più belli e riflettendo un’ultima volta sulla sua vita ormai obsoleta. Betelgeuse rievocò il periodo in cui, bambina, aveva vissuto con Rigel in cima ad una montagna. Ogni singolo attimo di quel periodo era stato per lei pura gioia: scivolare nella neve, farsi trascinare dal vento, chiacchierare con animali e alberi, per non parlare della coppia di aquile con cui aveva stretto una vera amicizia, che meraviglia, che nostalgia! In quel momento ebbe un’illuminazione, una vera epifania. Si rese conto che ogni singolo pianeta del Multiverso era stato emanato con un suo perché, una sua raison d’être: Piccolo Cosmo, ad esempio, era nato per essere l’astro del Potere, della Consapevolezza, una piccola e meravigliosa roccia magica, e i suoi abitanti avrebbero vissuto per seguire un percorso d’illuminazione e raggiungere l’Eternità.

Terra, invece, era il pianeta della Carne, dove tutto è conflitto, declino e decomposizione, e le creature terrestri avevano in sorte sofferenza e dura lotta. Capì quindi che quell’eccezionale felicità provata da bambina era stata il suo primo errore: tutto quello che era avvenuto dopo non poteva che finire male.

Questo fu l’ultimo pensiero che la coscienza di Betelgeuse concesse al suo corpo. Subito dopo l’abbandonò.

Nel momento in cui la madre moriva, il freddo penetrò nel nido di Mya e una sensazione sconosciuta, una via di mezzo fra la disperazione e l’apatia s’impossessò della sua mente.

Rigel manda la cornacchia da Mya

“Non credo di potercela fare, Rigel, no, non è proprio possibile, mi dispiace” la voce di Mya arrivò come un sussurro nella mente della sua due volte madre.

Rigel pensò rapidamente ad una soluzione: se fosse stata a casa avrebbe facilmente potuto aiutare Mya, ma inutile farsi illusioni: poteva spingere il piede sull’acceleratore come una pazza, ma non sarebbe mai riuscita ad arrivare prima di tre o quattro ore. Poteva inviare il suo doppio astrale, ma sarebbe stato inutile: un doppio astrale può viaggiare fino alle colonne d’Ercole del Multiverso, se vuole, ma i suoi unici Poteri sono viaggiare, parlare e osservare. Nient’altro. Infine decise. Scese dall’auto e si guardò intorno: si trovava in uno stradone di campagna e non c’era nessuno nelle vicinanze. Si concentrò per un certo periodo, ripetendo un canone, tenendo stretto in mano il medaglione che aveva al collo e alzando al cielo l’altro braccio.

“Amico uccello, raggiungimi!”  gridò con la mente, rivolgendo lo sguardo al cielo, mentre l’atmosfera si faceva silenziosa e perfino il vento si fermava, finché dall’orizzonte arrivò in volo una grossa cornacchia che le si appollaiò sulla mano alzata. Rigel accarezzò la cornacchia per qualche minuto, parlandole nella lingua dei corvidi e chiedendole di prendere in consegna un messaggio davvero speciale: una dose di Potere extra da consegnare a Mya, in modo da permetterle di abbandonare l’utero della madre.

Quindi Rigel soffiò il Potere nel becco spalancato dell’uccello, poi le accarezzò ancora la testina e subito dopo la cornacchia partì in volo. Da quel momento Rigel riuscì a seguire il percorso della bestiola come se le avesse inserito una telecamera fra gli occhi. La cornacchia volava veloce e Rigel invocò il Potere del Vento che iniziò a spirare nella giusta direzione, cosa che aumentò di molto la velocità dell’uccello.

Poco dopo atterrò sulla finestra della casa di Rigel e con un forte colpo di becco spaccò il vetro ed entrò in casa. Trovò rapidamente il corpo di Betelgeuse, sdraiata sul letto, senza vita. La cornacchia salì sulla sua pancia e mosse un pochino le zampe finché non fu in una posizione stabile.

Mya intanto si era raggomitolata all’interno dell’utero e non aveva più risposto ai richiami di Rigel, impedendole inoltre di leggerle nella mente. Era completamente chiusa in se stessa, impenetrabile come una fortezza.

la cornacchia rilascia nel corpo di Betelgeuse il Potere inviato da Rigel

Finalmente la cornacchia aprì il becco e con un grido che squarciò il silenzio rilasciò quello che Rigel le aveva affidato: una spirale di tiepido vapore saturo di Potere raggiunse Mya, che non si accorse di nulla; il Potere penetrò nelle sue cellule e arrivò rapidamente al sangue. A Mya apparve un raggio di luce in fondo all’oscurità in cui era immersa e la sola cosa che la sua mente ebbe bisogno di fare fu accogliere la luce.

la luce appare a Mya

La via si aprì: grande, spaziosa, confortevole. All’inizio Mya gattonò, poi si alzò in piedi e iniziò a correre, in una giornata di sole su di un lungo ponte, sotto cui scorreva un fiume azzurro. La luce assieme al riverbero dell’acqua la costringeva a coprirsi gli occhi per quanto era abbagliante.

Quando li riaprì era fuori dal corpo di Betelgeuse: una bella bambina di quattro chili con tanti capelli neri come ebano, il tutto assolutamente in linea con una qualsiasi neonata umana. Però sapeva già camminare, usare le mani con destrezza, parlare anche se con un linguaggio ristretto, proprio come ogni neonato Sparkling. In più Mya aveva già un livello eccezionalmente alto di Potere, e questo non aveva precedenti fra gli Sparkling.

Aveva ancora il cordone ombelicale attaccato, e usando l’indice come se fosse un laser se lo staccò di dosso. Poi si guardò intorno e vide la cornacchia appollaiata su Betelgeuse; la guardò con un certo stupore e domandò, usando la sua voce per la prima volta:

“Rigel?”

La cornacchia fece un grido e volò via. Vagamente confusa Mya si accostò alla madre morta e le prese una mano. Le sue prime sparks, sorprendentemente già di un bel violetto misto a fucsia, iniziarono a scorrerle lungo le guance, proprio come lacrime, che gli Sparkling non possedevano.

Qualche ora dopo, quando Rigel arrivò a casa, trovò ancora Mya in quella posizione. Fino a quando la cornacchia era rimasta in casa aveva avuto una visuale perfetta di quello che succedeva, e sapeva già che bellissima e perfetta bambina fosse Mya. Sapeva anche che sua figlia, la coraggiosa, impulsiva, ribelle, affascinante Betelgeuse non abitava più in quel corpo.

“Piccola amata Mya – disse Rigel sorridendo – eccomi, Rigel sono io“

“Io, sai, non ti avevo mai vista…” balbettò Mya.

Rigel si sedette accanto al corpo di Betelgeuse ed iniziò a pettinarle i bellissimi e lunghi capelli neri.

“Tua madre era molto fiera dei suoi capelli – spiegò Rigel a Mya che osservava ogni sua mossa con gli occhi spalancati – adesso mi prenderò cura del suo corpo per l’ultima volta.”

“Non so che cosa devo fare, non so adesso cosa accadrà, sono così tante le cose che non so!” esclamò Mya con una certa inquietudine.

“Per forza! Sei appena nata! – rispose Rigel – non ti preoccupare, per adesso sarò io a spiegarti cosa faremo e cosa accadrà. Sai, se tu fossi nata ad Abatos, come prima cosa faresti una doccia sotto l’acqua sacra, e subito dopo berresti un bicchierone di succo di hagalj mischiato con acqua sacra. Ora, per quanto riguarda la doccia con l’acqua sacra, siccome siamo sulla Terra esterna, dovrai accontentarti di acqua normale. Tiepida, oppure calda, o se la preferisci fredda, ma solo e comunque acqua normalissima. Ma siccome sei per metà Umana andrà bene lo stesso. Invece, essendo per metà Sparkling, non potresti mai nutrirti di latte come fanno i neonati Umani: il latte ti ucciderebbe. Noi Sparkling ci nutriamo solo di liquidi, e principalmente di liquidi tratti da una specie di frutto, l’hagalj, che gli Eterni portarono sulla Terra dal loro pianeta, centinaia di migliaia di anni fa e che ora come ora cresce solo ad Abatos, dove si sviluppa rigoglioso. Noi Sparkling che viviamo sulla superficie del pianeta, crescendo, impariamo a nutrirci di altre erbe e frutti che frulliamo e beviamo, ma nei primi mesi di vita anche noi abbiamo necessità di hagalj, possibilmente mischiato insieme ad acqua sacra: infatti ero andata a procurartelo quando Betelgeuse è morta.”

Rigel tirò fuori dal grosso zaino che si era portata dietro un barilotto di legno, con fatica lo appoggiò sul tavolo e dalla credenza prese un bicchiere di cristallo.

“Questo barile pesa tanto perché internamente è tutto foderato di cristallo – disse mentre apriva il recipiente e versava il liquido nel bicchiere –  infatti il cristallo è l’unica materia che può toccare l’acqua sacra senza contaminarla, e quindi ricordati sempre di versarlo in questo bicchiere: ecco qua, hagalj e acqua sacra … bevilo e ti sentirai meglio”

Mya afferrò lo stelo del grosso bicchiere con entrambe le mani da bambina e bevve quel liquido fucsia tutto d’un sorso. Non si era ancora resa conto di avere una tale sete.

“Il sapore dell’hagalj non mi giunge affatto nuovo” disse, mentre con la lingua si puliva i “baffi” rosa.

“Il prossimo bicchiere potrai prenderlo fra sei ore, poi dopo dieci – le spiegò Rigel – se ne bevessi troppo ti farebbe crescere in modo eccessivamente rapido”

La verità è che in ogni caso una Sparkling, anche se per metà umana, sarebbe comunque cresciuta in modo estremamente più rapido di un qualsiasi neonato umano. Rigel ricordava bene come Betelgeuse, nel giro di 24 ore, avesse già assunto l’aspetto di una bambina Umana di un anno; dopo un mese quello di una bambina di quattro anni e dopo un anno quello di un’Umana di dieci anni. Da quel momento in poi, la crescita fisica si era uniformata a quella umana. Il periodo, quindi, in cui non bisognava assolutamente far vedere la bambina agli Umani durava un anno circa. Quando era nata Betelgeuse, Rigel viveva in una zona selvaggia, senza Umani nelle vicinanze e non correva nessun pericolo che qualcuno si accorgesse di quella crescita straordinaria. In seguito non aveva mai mandato alla scuola degli umani la figlia. In breve, l’aveva cresciuta come una Sparkling, senza curare minimamente la sua metà Umana, e ora sapeva che era stato quello il suo grande errore. 

Adesso abitavano in una zona non così isolata: nelle Great Blue Hills, in Massachusetts, in una delle ex casette dei guardiani della riserva naturale, casa ormai distrutta e fatiscente ma rimessa a posto da Rigel che aveva avuto il permesso di utilizzarla in cambio della sua grande esperienza nella cura delle piante della foresta. Le autorità erano soddisfatte perché alberi e sottobosco non erano mai stati così floridi come da quando li curava Rigel, e le Sparkling della stirpe delle Portatrici, in cambio, vivevano immerse nella natura (cosa fondamentale per loro), ma a pochi chilometri da una cittadina della contea di Norfolk, dove, di lì a un anno, Mya sarebbe andata a scuola insieme ai bambini Umani di dieci anni. La scuola umana non aveva granché da insegnare alla piccola Sparkling, ma l’importante era la parte sociale, il contatto con gli Umani, proprio come fosse stata una di loro.

Intanto Mya si era lavata e vestita, con una sorta di tutina appartenuta a Betelgeuse da neonata. Aveva radiografato la casa con la sua incredibile mente e trovato rapidamente ogni cosa.

“Adesso, due volte madre, dobbiamo preparare e cremare il corpo di mia madre” disse poi, seriamente.

“Sì, il momento è arrivato – sospirò Rigel – e … Mya, visto che fra non molto dovrai conoscere gli Umani e soprattutto sembrare una di loro, dovrai abituarti, in presenza di Umani, a chiamarmi nonna, che è il loro termine per dire due volte madre”

Mya sorrise raggiante. Per qualche strano motivo l’idea di conoscere gli Umani le piaceva.

“Nonna! – esclamò – è veramente una bella parola!”

FOLLOW ME IN MY FB PAGE
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x